EPIDOR

Un raccolto profumato nei campi dorati

Il grano maturo si piegava ancora ieri al vento d’estate. Ora si battono i covoni biondeggianti nell’aia e i sacchi di iuta si riempiono di chicchi dorati. All’ombra dei boschi, posate le falci, le giovani bevono alla fonte viva. A sera, con i ragazzi, per festeggiare la fine della mietitura, danzeranno nella tiepida notte. Il venditore ambulante è passato ieri: sulla pelle delle ragazze, il fiore d’arancio si fonde con la violetta e il  gelsomino. Le bluse di ruvida tela emanano un odore muschiato. L’aria profuma di fieno tagliato e delle galette con frangipane volteggiano nell’aria. Al calar del giorno, leziose, sognando, chiudono gli occhi un istante.

TESTA
Violetta,
susina

CUORE
Gelsomino,
fiore d’arancio

FONDO
Legno di cedro,
sandalo,
fava tonka,
vaniglia

PARFUMEUR THOMAS FONTAINE